Sanità: Spitaleri, Riccardi tace ancora su compatibilità neodirettore Sores. “Attacco a professionisti che chiedono ascolto e rispetto”

“Non solo si pronuncia tardi ma soprattutto l’assessore Riccardi tace ancora sulla questione fondamentale: non dice infatti se, alla luce di quanto è accaduto ed è stato dichiarato dal neo direttore del Sores, ritenga egli sia compatibile con il delicato compito di coordinamento e collegamento tra professionisti che gli si vuole affidare. In più, un malsano culto della personalità porta a personalizzare questioni che attengono alle funzioni e ai compiti. E così alle organizzazioni sindacali che, unite come raramente si era visto, chiedono rispetto, vicinanza e impegno della Regione Fvg e dei suoi vertici sull'obbligo vaccinale dei sanitari, la risposta dell’assessore è un attacco a ‘protagonismi fuori luogo’”. Lo afferma il componente della commissione Paritetica Stato-FVG ed esponente dem Salvatore Spitaleri, replicando all’assessore alla Salute Riccardi Riccardi, il quale aveva rivendicato di essere “sempre stato in prima linea per sostenere la vaccinazione” e parlato di “personalismi e protagonismi” a proposito di quella che ha definito “ una diatriba tutta interna ai professionisti”.
“Qui non è in dubbio la sicura fede pro-vaccini dell'assessore ma – aggiunge Spitaleri - se le scelte di gestione siano effettivamente rispondenti o meno a quella fede personale. La libertà di espressione sia garantita a tutti e non riservata a chi, ritenuto più affidabile di altri, pensa di potersi sottrarre a leggi e impegni deontologici”.