Turismo: dalla Regione Fvg contributi per spese gestione e manutenzione rifugi

Le montagne del Friuli Venezia Giulia costituiscono un patrimonio inestimabile, in parte tutelato anche dall'Unesco, di carattere ambientale, paesaggistico, culturale, che rappresenta un elemento di forte attrazione sotto il profilo turistico, ma anche sportivo. Sono infatti frequentate da migliaia di appassionati che praticano le attività motorie e sportive, ma anche da innumerevoli appassionati del territorio ed escursionisti. Il loro riferimento, punto di ristoro ma anche ricovero in caso di difficoltà ambientali e metereologiche, nonché di ritrovo e atto a favorire la migliore fruizione del luogo, sono i rifugi, gestiti da amanti della montagna, che per mantenere vive queste attività debbono affrontare e superare le rilevanti difficoltà di accesso causate dalle caratteristiche intrinseche della montagna. Per questo la Regione concede contributi per la manutenzione e per le spese necessaria all'approvvigionamento dei materiali e delle derrate alimentari nelle strutture ricettive in quota. Su proposta dell'assessore alle Attività produttive e al Turismo, la Giunta regionale ha così approvato le istruzioni per l'assegnazione di tali contributi. La legge regionale numero 24 del 27 dicembre 2019 autorizza infatti l'Amministrazione ad assegnare a enti e associazioni senza scopo  di lucro che gestiscono i rifugi alpini un contributo e detta i termini di esecuzione delle attività e le modalità di rendicontazione. Tra le spese ammissibili vi sono quelle per opere e impianti, l'acquisto e la installazione di arredi interni ed esterni, le finiture, le attrezzature per le telecomunicazioni, la fornitura e l'installazione di impianti di servizio, impianti connessi con il ciclo delle acque e per l'aumento dell'efficienza energetica, spese di approvvigionamento dei materiali e delle derrate per la gestione delle strutture in quota, spese per il trasporto del materiali, del personale di cantiere e delle derrate. Le domande potranno essere presentate dal 23 settembre al 12 ottobre, mentre i contributi saranno concessi con la modalità a sportello: per il 2021 saranno disponibili 50 mila euro per le spese correnti, 950 mila euro per le spese di investimento. L'importo massimo concedibile è pari all'80 per cento della spesa ammissibile.