Udine, Progetto Innovare: Senza una vera forza civica non c’è futuro per Udine

“Mentre all’orizzonte si profilano le elezioni del 2023 ed è già cominciata la sfida a colpi di annunci, notiamo che viene snobbato quel fenomeno sempre più vivace costituito dalle forze civiche che operano in città.” Così Franco Aloi, coordinatore di Progetto Innovare, che prosegue “non parliamo solo di forze che siedono in Consiglio Comunale, ma delle tante realtà che, nei vuoti della politica cittadina, sono cresciute immaginando una città diversa. In questi anni abbiamo lavorato coinvolgendo tante persone e portatori di interesse su temi reali quali la mobilità, la partecipazione dei quartieri, l’attenzione ai più deboli come con la recente proposta di creare un fondo contro il caro bollette, la qualità dei servizi educativi con il "caso mense". Vogliamo camminare – continua Aloi – assieme a chi come noi ha a cuore le sorti di Udine: l’Assemblea di Progetto Innovare si è espressa con chiarezza per spingere verso la creazione di una solida rete con altri soggetti della società civile udinese. Per questa ragione sono state avviate interlocuzioni con alcuni importanti interpreti che attualmente non hanno rappresentatività consiliare, come Patto per l’Autonomia, Spazio Udine e Costruire Futuro, in un confronto paritetico che vuole allargarsi ad altri protagonisti che hanno a cuore la nostra città, in un contesto di valori irrinunciabili quali antifascismo ed europeismo. Vogliamo contribuire – conclude Aloi - alla formazione di uno spazio politico civico carico di idee e competenze che si presenti alle elezioni amministrative in maniera credibile ed autonoma”