Yann Lecun, guru mondiale dell’intelligenza artificiale a palazzo Torriani

Yann Lecun, head of artificial intelligence (AI) research at Facebook Inc.,pauses during a Bloomberg Television interview at Bloomberg's Sooner Than You Think technology conference in Paris, France, on Wednesday, May 23, 2018. Paris is playing host this week to a global gathering of tech executives and entrepreneurs at the Bloomberg conference and at Viva Tech, a three-year-old event for startups, as the French establishment unites behind a push for more tech investment in the city. Photographer: Marlene Awaad/Bloomberg

Un nuovo evento firmato Confindustria Udine Academy: al suo primo anno di costituzione, il progetto di alta formazione promosso dagli Industriali friulani riesce infatti a portare per la prima volta in Friuli Venezia Giulia Yann LeCun.  Silver Professor of Data science, Computer science, Neural science, and Electrical engineering alla New York University, LeCun è chief AI Scientist di Meta, la company statunitense che controlla i servizi di rete sociale Facebook e Instagram, i servizi di messaggistica istantanea di Whatsapp e Messenger, nonché i visori di realtà virtuale di Oculus VR. L’evento – perché di evento si tratta, considerata la caratura dell’ospite e l’opportunità data al territorio per giovani, imprenditori, manager e chiunque altro lo ritenesse di interesse, di ascoltarlo e incontrarlo in presenza – avrà luogo giovedì 26 maggio, alle 11.15, a palazzo Torriani, in collaborazione con DIH Digital Innovation Hub Udine e Institut Europia, in modalità blended: sia in presenza che online. Gli interventi saranno tenuti in lingua inglese, con traduzione simultanea in italiano soltanto per i presenti nella sede di Confindustria Udine. Per partecipare al workshop è necessaria l’iscrizione sul sito dell’Associazione: www.confindustria.ud.it. I posti in presenza sono limitati e saranno assegnati in ordine di iscrizione. Docente di chiara fama, Yann LeCun non solo è la ‘mente’ scientifica di Meta, ma è unanimemente considerato uno dei maggiori esperti mondiali di intelligenza artificiale, apprendimento automatico, reti neurali convoluzionali, visione artificiale e robotica. Nel 2019 è stato insignito anche del Premio Turing, l’equivalente del Nobel nel settore dell’Informatica. Sulle opportunità connesse all’utilizzo dell’intelligenza artificiale, con particolare riguardo alle attività d’impresa, LeCun si confronterà con Anna Mareschi Danieli, vicepresidente di Confindustria Udine. Parteciperanno all’incontro anche Roberto Pinton, rettore dell’Università di Udine e Sergio Emidio Bini, assessore regionale alle attività produttive e turismo. Il mercato dell’Intelligenza artificiale nel nostro Paese è cresciuto del 27% nel 2021, raggiungendo quota 380 milioni di euro, un valore raddoppiato in appena due anni, per il 76% commissionato direttamente da imprese italiane (290 milioni di euro), per il restante 24% come export di progetti (90 milioni di euro). Le previsioni ci parlano di un mercato che quest’anno supererà per la prima volta il tetto di un miliardo di euro, con stime di crescita del 40% nel triennio 2021-23. Se gli investimenti delle imprese manterranno la tendenza positiva dell'ultimo periodo, in una manciata di anni l’Intelligenza artificiale diventerà dunque l’attore protagonista della rivoluzione digitale in Italia, sempre che il contesto supporti questa evoluzione e si riesca a ridurre l’attuale, significativo divario in termini di avvicinamento alla tecnologia per dimensione di azienda. Per farlo, è necessario diffondere da subito conoscenza e consapevolezza, in particolare tra le piccole e medie imprese. A questo preciso scopo punta l’evento con il professor LeCun, un evento che costituisce l’ideale prosecuzione del primo ciclo di seminari di alta formazione targato Confindustria Udine Academy sui temi dell’innovazione, che ha già visto alternarsi a palazzo Torriani relatori del calibro di Thomas Foster, presidente e professore del dipartimento di Marketing e gestione della catena di fornitura globale alla Brigham Young University Marriott School of Management (UK), che aveva relazionato sulla “Strategic Quality: planning for success”, Giuseppe Zollo, professore di Management engineering dell’Università Federico II di Napoli, che aveva parlato dell’arte del management in un mondo complesso, e Umit Bitici, Professore alla Edinburgh Business School (UK), che aveva incentrato la sua lezione su “Come innovare per stimolare l’innovazione”. L’iniziativa di Confindustria Udine, inoltre, consolida ulteriormente la stretta partnership con l’Università di Udine. Alla pari del Master EMBA, attivato con successo dal 2019, anche Confindustria Udine Academy punta a soddisfare la necessità emergente di corsi di alta formazione sul territorio e l’aggiornamento delle competenze della classe dirigente e di chiunque altro sentisse la necessità di ampliare la sua visuale in un mercato in continua evoluzione, con la conseguente, necessaria, ridefinizione repentina delle strategie di competitività.