1° dicembre, Giornata mondiale contro l’Aids

“Il 1° dicembre di ogni anno si ricorda la Giornata mondiale contro l’Aids, un appuntamento molto importante per la società e per la medicina in quanto, anche se oggi l’attenzione è soprattutto rivolta alla pandemia da Covid-19, purtroppo la diffusione del virus dell’HIV è ancora molto preoccupante. I dati infatti non sono rassicuranti: l’ultimo rapporto pubblicato dall’Ufficio regionale per l’Europa dell’OMS e dal Centro europeo per la prevenzione e controllo delle malattie (ECDC) mostrano sì un calo del 24% del tasso dei nuovi casi di HIV diagnosticati tra il 2019 e il 2020, ma questo calo è in gran parte causato dalla riduzione nell’effettuazione dei test HIV nel 2020 causata dalle restrizioni COVID-19 e dalle interruzioni dei servizi sanitari. È una situazione molto allarmante e che mette in luce un'altra tendenza, ovvero negli ultimi anni l’aumento del numero di persone che vivono con la malattia non diagnostica, con pesanti conseguenze sulla loro salute e sulla qualità della loro vita.” “L’obiettivo fondamentale di questa giornata - istituita per la prima volta nel 1988 - è la continua attività di sensibilizzazione, in particolare rivolta ai giovani e ai soggetti target, puntando anche lo sguardo verso i problemi che riguardano la diffusione del virus nei paesi del Terzo Mondo, dove l’accesso alle cure è ancora più difficoltosa. Doverosa anche un’attenzione al nostro territorio: ricordo che nelle settimane scorse ho presentato in Consiglio regionale un’interpellanza, al quale non mi è stata data ancora alcuna risposta, relativamente alla completa attuazione in regione del Piano nazionale di interventi contro HIV e AIDS, in particolare per quanto concerne l'assenza di una delibera formale di recepimento, la mancata costituzione della Commissione regionale AIDS e la carenza circa la declinazione del PDTA regionale e di protocolli multidisciplinari con la rete territoriale e con le associazione. La nostra regione ora deve impegnarsi, dare risposte e fare di più, con azioni maggiormente incisive.” Ha dichiarato il consigliere regionale Furio Honsell di Open Sinistra FVG.