Anche il M5s Fvg perplesso sulla nomina di De Monte al Sores e punta il dito contro Riccardi

Mentre un assordante  silenzio arriva dalle forze di maggioranza, Lega in testa,  alle quali tocca difendere l'indifendibile, anche il  M5S FVG, che è come è noto all'opposizione della giunta Fedriga   si unisce a coro dell'indignazione per la vicenda nomina Sores:  “È estremamente grave, scrivono in una nota i pentastellati ,  che un direttore di dipartimento come il dottor Amato De Monte abbia rifiutato di vaccinarsi, ‘meritandosi’ nel contempo la nomina alla direzione della Sala operativa regionale per l’emergenza sanitaria”.  “Un paio di mesi fa, l’assessore Riccardi definiva ‘ingiustificabile’ il rifiuto a vaccinarsi da parte degli operatori del comparto sanitario, considerando ‘non adatto a fare questo mestiere’ chi si è opposto all’inoculazione – ricordano gli esponenti pentastellati -. Oggi invece si premia chi non ha aderito alla campagna vaccinale, etichettando la nomina come un’opportunità che però suona tale più per chi si trova con un posto garantito che per la sanità del Friuli Venezia Giulia”. “La nomina diretta di De Monte a direttore della SORES aveva già numerosi aspetti che lasciavano perplessi – aggiungono i consiglieri M5S -. All’inopportunità politica e ai dubbi sulla procedura che ha portato alla sospensione di un concorso già in fase avanzata si aggiunge un elemento particolarmente pesante, sul piano sostanziale ma anche come pessimo segnale dato alla comunità regionale. È infatti inaccettabile che il direttore dell’Azienda regionale di coordinamento per la salute affermi che De Monte sta aspettando un nuovo vaccino quando i cittadini non hanno possibilità di scelta”.