Ateneo friulano: Invecchiamento della popolazione: ricercatori “Active Ageing” uniti per affrontare le sfide future

Martedì 8 ottobre si terrà all’Università di Udine il primo workshop del gruppo interdisciplinare di ricerca “Active Ageing Uniud”. Nato con lo scopo di affrontare le sfide legate all’invecchiamento della popolazione, aggregando interessi e competenze di ricerca afferenti a diverse discipline del sapere - da quelle mediche a quelle scientifiche e tecnologiche, da quelle umanistiche a quelle assistenziali, sociali ed economico-giuridiche - il gruppo, a oggi, vede la partecipazione di più di cento tra docenti e ricercatori degli otto Dipartimenti dell’Università di Udine, delle Università di Padova, Parma, Pavia, Roma 2, Trieste e Graz (Austria), dell’International Center for Genetic Engineering and Biotechnology (Icgeb) di Trieste, dell’Azienda sanitaria universitaria integrata di Trieste – Distretto 2, dell’Irccs Burlo Garofolo di Trieste, dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano e del Centro Medicus di Udine.

L’obiettivo della fitta giornata di scambio è condividere gli ambiti di ricerca di frontiera dei ricercatori coinvolti per capire i possibili punti di contatto e iniziare a definire delle specifiche progettualità da presentare su bandi europei, nazionali e regionali. Per iscriversi all’evento: https://bit.ly/2mco1IT.

La giornata si aprirà alle 8.30 nell’aula Magna di piazzale Kolbe 4 con i saluti di benvenuto del rettore Roberto Pinton, degli assessori regionali al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia e alla salute, politiche sociali e disabilità, Alessia Rosolen e Riccardo Riccardi, del direttore dell’INAIL, Fabio Lo Faro. Gian Luca Tell, ordinario di biologia molecolare dell’Università di Udine, presenterà il gruppo inter-disciplinare Active Ageing e gli obiettivi del workshop.

Seguirà quindi una sessione plenaria, dalle 9.15 alle 11.15, con gli interventi di: Vilhelm Bohr (National Institute on Ageing/NIH, Baltimore, MD, USA) su Opportunità nella ricerca sull’invecchiamento e concentrazione sui danni al DNA; Ella Pagliarini (Università di Milano) su Esperienze sensoriali negli anziani: cambiamenti nella percezione e nelle scelte alimentari; Francesco Moscone (Brunel University, Londra, UK) su L’associazione tra l’utilizzo di assistenza medica e risultati sanitari: Un’analisi spaziale; Mauro Grigioni (Istituto Superiore di Sanità, Roma) su Prospettive e ausili Tecnologici per il Bisogno di Salute.

I lavori proseguiranno, dalle 11.45 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 16.45, suddivisi per sessioni. In totale verranno presentati cinquantuno interventi da parte dei docenti e ricercatori dell’Università di Udine. Tutte le presentazioni saranno raggruppate in sessioni, divise in quattro aree tematiche che rappresentano gli ambiti di interesse su cui il gruppo “Active Ageing Uniud” intende sviluppare progetti e attività di ricerca. La prima sessione prevede interventi riguardanti i temi dell’area “Prevenzione e benessere” e dell’area “Infrastrutture e tecnologie”. Durante la seconda sessione verrà posta l’attenzione sulla “Ricerca traslazionale, diagnostica, clinica e assistenza”. Infine, con la terza sessione, ci si concentrerà sulla tematica “Welfare”.

Una tavola rotonda conclusiva, in programma dalle 17.15 alle 18 nell’aula Magna di piazzale Kolbe 4, definirà le considerazioni conclusive e soprattutto delineerà i progetti per il futuro. Interverranno: il rettore Roberto Pinton; il direttore regionale INAIL, Fabio Lo Faro; i docenti dell’Università di Udine Antonio Abramo (Dipartimento Politecnico di ingegneria e architettura), Sonia Calligaris (Dipartimento di Scienze agroalimentari, ambientali e animali), Alessandro Cavarape (Dipartimento di Area medica), Vincenzo Della Mea (Dipartimento di Scienze matematiche, informatiche e fisiche), Claudia Di Sciacca (Dipartimento di Lingue e Letterature, Comunicazione, Formazione e Società), Valeria Filì (Dipartimento di Scienze giuridiche), Antonella Riem (Dipartimento di Lingue e Letterature, Comunicazione, Formazione e Società), Laura Rizzi (Dipartimento di Scienze economiche e statistiche), Gianluca Tell (Dipartimento di Area medica).