Kyenge oggi a Udine:”Inaccettabile l’apertura della sede di CasaPound  in via Superiore”

"È inaccettabile che chi porta avanti idee fasciste, razziste e  sessiste come CasaPound possa aprire sedi in giro per l'Italia, e per  di più a Udine, città insignita della Medaglia d’oro al valore  militare per la Lotta di Liberazione dal nazifascismo a nome di tutto  il Friuli, terra di Resistenza dove tantissime donne e uomini hanno  lottato per consegnarci lo stato democratico nel quale viviamo oggi.
Dobbiamo fermare il riemergere del fascismo in nome di chi ha  sacrificato la vita per liberarcene". Lo ha detto l'ex ministra per  l'integrazione Cécile Kyenge, già europarlamentare, candidata alle  elezioni europee del 26 maggio in Veneto, Emilia Romagna, Friuli  Venezia Giulia, Trentino-Alto Adige, che ha incontrato stamattina le  cittadine e i cittadini al Mercato di Via Vat per discutere delle  proposte per un prossimo mandato al Parlamento Europeo. Kyenge ha poi
partecipato a un confronto con la cittadinanza insieme a Furio  Honsell, candidato alle elezioni europee nella circoscrizione  nord-est, al Caffè Caucigh a Udine. "Casapound è una forza eversiva  che appoggia idee e utilizza metodi fascisti. Non possiamo permetterci  di rimanere indifferenti al suo proliferare sul territorio", ha  continuato Kyenge. "L'antifascismo non va mai rinchiuso nel cassetto,  ma tenuto vivo giorno dopo giorno in nome della nostra Costituzione
italiana profondamente antifascista e scritta da chi il fascismo l'ha  subito, combattuto e vinto. Per loro, per le nuove generazioni,  dobbiamo continuare a mobilitarci. NO all'apertura di Casapound a  Udine".