Le “Realtà aumentate” del Festival Contaminazioni digitali fanno tappa a Turriaco. Appuntamenti sulle sponde dell’Isonzo, per il festival urbano multimediale

17 selfie dalla fine del mondo

Sarà la splendida cornice del Parco dell’Isonzo, a Turriaco, a ospitare la prossima tappa di "Contaminazioni digitali", domani 10 luglio. Il festival urbano multimediale - organizzato dall’associazione Quarantasettezeroquattro e realizzato grazie al contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia – da inizio giugno sta indagando, attraverso performances e spettacoli, sulle “Realtà aumentate” e proseguirà fino a fine luglio (22-24 e 28-31 luglio, Cividale del Friuli). 17 SELFIE DALLA FINE DEL MONDO - Nel Comune della Bisiacaria sono due gli eventi in calendario il 10 luglio. Si comincerà alle 19 con “17 selfie dalla fine del mondo”. Il pubblico, nella dimensione intima e collettiva della performance audioguidata in cuffia - grazie alla voce di Giuseppe Palasciano su drammaturgia di Riccardo Tabilio - sarà portato a giocare, emozionarsi e fantasticare su quello che succederà, e su quello che forse possiamo ancora fare per il pianeta e i suoi abitanti. La performance propone una serie di previsioni: messaggi in bottiglia, bollettini, cartoline, istantanee da un futuro possibile per comporre una narrazione corale della fine del mondo.

Come-un-acrobata-sull_acqua

COME UN ACROBATA SULL’ACQUA - In serata, alle 21.30, il Parco ospiterà “Come un acrobata sull’acqua”: performance di danza contemporanea con video proiezioni che vuole raccontare proprio l’Isonzo, ben più di un fiume: unisce Stati, popoli e culture; non conosce confini e diventa metafora per addentrarsi nel tempo che appartiene a ognuno di noi, passato e futuro. Il nuovo spettacolo di Valentina Saggin, che danzerà sulle musiche di Zlatko Kaučič con Andrea Rizzo, è una produzione della Compagnia Arearea e dell’associazione Quarantasettezeroquattro, entrambe realtà che fanno parte della rete culturale Intersezioni, unite per consentire a questo lavoro di trovare luce, grazie al sostegno di MiC e Regione Fvg. Si tratta di una “passeggiata”, fatta di equilibrio e resistenza. I due danzatori si muovono tra immagini, ricordi e suoni. FESTIVAL URBANO MULTIMEDIALE – Contaminazioni digitali ospita quest’anno le nuove produzioni del progetto “Realtà aumentate” e del progetto “Tracce. I linguaggi del contemporaneo raccontano il passato”, a cura dell’Associazione Quarantasettezeroquattro e finanziati dalla Regione Friuli Venezia Giulia, con il co-finanziamento del Comune di Udine e di Turismo FVG. Il festival è in rete con Intersezioni e Bando Open Creazione Urbana contemporanea. Il progetto è organizzato in collaborazione con ARS. Arti, relazioni, scienze, promosso dal comune di Gradisca d’Isonzo con il finanziamento della Regione Friuli-Venezia Giulia.