Migranti, De Carlo e Raduzzi (M5s): “preoccupante aggiudicazione appalto Cpr Gradisca a Edeco”

L' aggiudicazione dell’appalto per la gestione del CPR di Gradisca da parte di Edeco é un fatto preoccupante, ancor di più se si considera che la cooperativa in questione continui a lavorare nello stesso settore in cui é indagata. Apprendiamo, infatti, che inchieste, processi e polemiche non hanno escluso la cooperativa Edeco dalla possibilità di partecipare ai bandi, nonostante vi siano a suo carico indagini in corso". È quanto dichiarano in una nota i deputati M5S, Raphael Raduzzi e Sabrina De Carlo.
“Nei numerosi esposti che abbiamo presentato all’Anac e alla Procura sono state evidenziate molteplici irregolarità, rilevate anche a seguito di due sopralluoghi nei centri di Cona e Bagnoli", spiegano i deputati.
"Il fatto che Edeco sia stata probabilmente favorita da possibili connivenze tra i vertici della cooperativa e alcuni funzionari della prefettura, tra i quali gli ex Viceprefetti Aversa e Sallustio, fa assumere alla vicenda tratti ancora più allarmanti", proseguono Raduzzi e De Carlo.
"Ripulire il campo dell'accoglienza da soggetti che hanno alle spalle inchieste nel settore dell'immigrazione tanto quanto in quello dei rifiuti, deve essere un primo passo imprescindibile per garantire il buon funzionamento del sistema d'accoglienza. A rendere maggiormente inquietante la questione ci sono, inoltre, le testimonianze di chi è stato ospite nelle strutture gestite da Edeco e racconta di cibo e cure scadenti, riscaldamento malfunzionante e caldo soffocante d’estate, assenza di armadietti personali, finti corsi di lingua italiana e un ammassamento di persone che non tiene conto del luogo di provenienza e che, invece, é un elemento essenziale per garantire la convivenza pacifica nelle strutture", aggiunge la deputata del Friuli Venezia Giulia, Sabrina De Carlo.