Peste suina, forte preoccupazione ma l’unità di crisi è stata attivata. Indispensabile piano di sorveglianza e prevenzione

Il Friuli Venezia Giulia è pronto a mettere in campo un piano di intervento per il contenimento della diffusione della peste suina africana (Psa), un'infezione virale che non si trasmette all'uomo ma si diffonde tra i cinghiali e può mettere ad alto rischio gli allevamenti di maiali nel Nord Italia e in particolare nella nostra regione. L'ingresso dell'infezione in Italia era atteso da Est, ma i primi casi sono stati registrati in Piemonte e Liguria.
A chiarirlo è stato oggi l’assessore Stefano Zanier in II Commissione grazie all’interrogazione presentata sul tema dal capogruppo dei Cittadini Tiziano Centis.
«La preoccupazione tra gli addetti ai lavori - ha spiegato Centis in aula - è grande e condivisibile perché la possibilità che questa letale pandemia possa raggiungere anche gli allevamenti di maiali in regione è oggettivamente molto alta. L’assessore ha rimarcato la necessità di attivare una Unità di crisi ristretta per il coordinamento delle azioni da intraprendere a breve termine e un gruppo allargato di analisi e azione che coinvolga anche il Servizio caccia, con l'intento di aumentare la segnalazione di ritrovamenti di eventuali carcasse di cinghiali, primi portatori della malattia».
Da giorni negli allevamenti del FVG si è alzato il livello di guardia. I lavoratori prima di entrare negli impianti sono costretti a bardarsi. È vietato l'ingresso di persone non addette ai lavori. E chiunque entri deve seguire le pratiche di sanificazione, in particolare delle calzature. Nella nostra regione ci sono un centinaio di allevamenti concentrati in particolare nei territori di Pordenone e Udine con oltre duecentomila capi allevati. Le carni suine rappresentano quasi il 9 per cento dell'intera produzione di carni del FVG, ma considerando l'intera filiera suinicola - dagli allevamenti, ai macelli fino ai prosciuttifici (sono circa 400 mila le cosce che gli allevamenti del Fvg forniscono annualmente al distretto di San Daniele) - si parla di un fatturato annuo che supera di gran lunga i 350 milioni di euro.
«Di fronte a tali numeri un piano di sorveglianza e prevenzione, basato su un sistema di allerta precoce, risulta indispensabile. E la Regione - ha concluso Centis - dovrà anche continuare a garantire, come già fatto lo scorso anno, un sostegno concreto a un comparto che rappresenta una delle nostre eccellenze. A livello nazionale il Ministero dell'agricoltura ha stanziato 50 milioni di euro per il contenimento della peste suina africana, di cui 15 milioni per l'installazione di reti e 35 milioni per interventi di biosicurezza negli stabilimenti».