Pubblico impiego, è Sos occupazione: in Fvg 3mila posti bruciati. Anche il Fvg alla manifestazione nazionale di Cgil, Cisl e Uil

Futuro è servizi pubblici!: questo è lo slogan della mobilitazione unitaria delle categorie dei servizi pubblici e privati di Cgil, Cisl e Uil  che da questa mattina si è svolta a Roma. La manifestazione è cominciata  in piazza della Repubblica,  ritrovo dei partecipanti fin dalle ore 9 del mattino. Alle 11 il corteo ha raggiunto  piazza del Popolo dove si sono svolti  gli interventi dei segretari generali di Fp Cgil, Cisl Fp, Uilpa e Uil Fpl.  Presente anche una rappresentanza sindacale proveniente dal Fvg dove la situazione è particolarmente complicata sul piano occupazionale con  tremila lavoratori in meno soltanto nei comparti su cui è possibile un confronto in base ai consuntivi della Ragioneria generale di Stato, cioè Regione ed enti locali, con una perdita di 2.000 dipendenti, sanità, oltre 300 in meno, e università, dove il calo è vicino a 600 unità, praticamente un quinto rispetto agli organici di dieci anni fa. E il conto sarebbe sicuramente più pesante se il confronto potesse essere fatto sull’intero spettro del lavoro pubblico, che oggi è sceso  in piazza a Roma su iniziativa dei sindacati di categoria di Cgil, Cisl e Uil, compatti nel denunciare la vera e propria emergenza occupazionale che ha investito tutte le pubbliche amministrazioni nell’ultimo decennio.
A livello nazionale, in termini percentuali, sono stati cancellati oltre 250mila posti, il 7,5% del totale, una percentuale analoga a quella che si riscontra nei settori monitorati in Fvg, dove diventa addirittura in doppia cifra nel comparto unico , come detto, nell’università. Pesante anche il calo di oltre 337 posti nella sanità, segno che la timida ripresa delle assunzioni non ha compensato gli effetti del mancato turnover, a fronte di una crescente domanda di cure e assistenza, anche per effetto dell’invecchiamento, come denunciano i segretari regionali Orietta Olivo (Fp Cgil), Massimo Bevilacqua (Cisl Fp) e Luciano Bressan (Fpl-Uil), che domani guideranno nella capitale una delegazione di circa 500 manifestanti.
Allarme poi per gli effetti dell’accelerazione dei pensionamenti in una pubblica amministrazione dove l’età media, a livello nazionale, è salita a 51 anni, quasi 4 in più rispetto al 2001, e dove quota 100 sta determinando un forte esodo, aggravando le carenze di personale un po’ in tutti i settori. Ma sotto accusa c’è anche, e soprattutto l’andamento degli stipendi, visto che la retribuzione media complessiva, a dispetto dei recenti rinnovi e di un’anzianità media sensibilmente più alta, è infatti addirittura calata, scendendo dai 34.700 euro lordi del 2010 ai 34.500 del 2017. Da qui l’attenzione alla trattativa sulla tornata 2019-2021, ma anche la preoccupazione per il blocco contrattuale di alcuni comparti, come il terzo settore (400mila addetti) e vaste aree della sanità privata, dove il nuovo contratto è atteso addirittura da 12 anni....