Renzo Liva PD: Banca Mediocredito, dopo tre anni la giunta Fedriga fa armi e bagagli e vende tutto. E’ segnale di resa

Con una breve nota  il responsabile Economia del Partito Democratico del Friuli Venezia Giulia, Renzo Liva commenta la vicenda di Mediocredito: "Nell’intervista pubblicata oggi dal Piccolo quale Presidente dell'Associazione Industriale Alto Adriatico, Michelangelo Agrusti mette giustamente in risalto le capacità e qualità del sistema imprenditoriale che rappresenta, i risultati raggiunti e i bisogni avvertiti. Siamo di fronte ad una interlocuzione autorevole a cui bisogna dare atto di aver contribuito a mantenere - in un periodo così carico di tensioni e paure - un clima positivo di relazioni, di confronto e di dialogo con il mondo del lavoro e delle organizzazioni sindacali.
Elencando gli elementi di forza e di reazione del sistema regionale, Agrusti ricorda due temi: il credito e il risparmio, da convogliare in finanziamento sano di aziende e infrastrutture, per accrescere produttività e competitività. Sono perfettamente d'accordo, ma mi pongo un interrogativo. Riguardo il coinvolgimento del risparmio delle famiglie nelle imprese del FVG, forse si poteva fare di più. Forse si poteva partire da Banca Mediocredito di cui la Regione detiene ancora il 47 per cento. E mi chiedo ancora se in questi tre anni non fosse stato possibile andare un po' oltre il grigio e pigro tran tran cui abbiamo assistito e che ora porta la giunta Fedriga a decidere di far armi e bagagli e vendere tutto. Un fare cassa di corto respiro, un segnale di resa".

 

Mediocredito: la Regione annuncia dismissione propria quota. M5s ri-chiede commissione d’inchiesta. Ma scatta l’omertà