Scuola: Shaurli (Pd), era dovere arrivare preparati a riapertura: “Fedriga che parla di tracciamento sembra presa in giro”

“Arrivare preparati e garantire un trasporto scolastico sufficiente e efficace era un dovere, visto che tutti sapevano che la scuola avrebbe riaperto. Era un dovere anche programmare una ripartenza in sicurezza, ascoltando operatori, insegnanti e famiglie, e mettendo in campo tutto quanto serviva per tamponi e tracciamenti rapidi e gratuiti per studenti e famiglie, come fatto da altre Regioni”. Lo afferma il segretario regionale Pd Fvg Cristiano Shaurli, a proposito delle dichiarazioni del presidente della Regione Massimiliano Fedriga, il quale ha sostenuto che “bisogna avere la consapevolezza che i limiti fisici come la disponibilità dei mezzi non si possono superare”.
“Ad oggi niente di ciò è stato fatto e – sottolinea Shaurli - sembra persino una presa in giro che il presidente Fedriga parli di tracciamento, che è proprio ciò che non ha funzionato nella drammatica terza ondata e che andava potenziato mesi e mesi fa”.
“Sappiamo che la stragrande maggioranza dei cittadini di questa Regione a partire dalle famiglie con figli sono attenti e rispettosi delle regole: vanno ringraziati per i sacrifici fatti e il modo migliore per ringraziarli sarebbe dimostrare di fare bene e a loro vantaggio le cose che competono alla Regione”.