Scuola: Shaurli (Pd), Fedriga lavori ora per riapertura in presenza dopo estate: “Scelte giuste subito per evitare scusanti a settembre”

 

“Lo diciamo oggi, non per domani ma per settembre: invece di chiacchierare si rimetta al centro la scuola e si prenda l’impegno di riprendere le lezioni tutte in presenza e in piena sicurezza dopo l’estate. Fedriga sia il primo a farlo. Non servono paragoni o classifiche fra attività economiche e scuole, soprattutto da parte da chi andava in piazza per aprire i locali di sera prima della drammatica terza ondata in Friuli Venezia Giulia. Serve lavorare, fare ora le scelte giuste per evitare a settembre giustificazioni, scuse e scaricabarile già visti”. Lo afferma il segretario regionale Pd Fvg Cristiano Shaurli, replicando al presidente della Regione Massimiliano Fedriga il quale ha evidenziato che "l'unico aumento di contagio che si registra è quello della fascia anagrafica da 14 a 18 anni, è la popolazione scolastica".
Per il segretario dem “serve potenziare i trasporti, perché siamo 1,2 milioni di abitanti e dobbiamo evitare orari ed entrate spezzettate; serve intervenire sull’edilizia scolastica ora per avere spazi adeguati a settembre; serve potenziare il tracciamento e la prevenzione con personale dedicato al mondo della scuola e tamponi gratuiti e veloci per studenti e famiglie; serve acquistare ora, in collaborazione con dirigenti ed operatori, impianti di ventilazione meccanica controllata per migliorare vivibilità e salubrità della classi”.
“Per la scuola il Pd ha fatto proposte concrete anche nell’ultima legge ‘papocchio’ arrivata in Consiglio regionale ma – conclude Shaurli - da Fedriga per la scuola non abbiamo ricevuto risposte”.