Vicenda Consorzio Agrario, le preoccupazioni di Legacoop Fvg

Legacoop FVG ha già espresso nel recente passato preoccupazione per le vicende che stanno determinando il futuro del Consorzio Agrario; preoccupazione resa ancor più concreta dalla constatazione che le vicende paiono trovare scarsa cittadinanza all'interno del luogo naturale dove si dovrebbero ricercare voci e soluzioni. Alla luce della rilevanza degli argomenti in gioco, in una società cooperativa sarebbe stato più opportuno convocare una assemblea e presentare alla totalità dei soci le linee guida del progetto di fusione, ricevendone il nulla osta a proseguire con gli approfondimenti, piuttosto che portare la questione all'attenzione dei soci a cose fatte.
Allo stato attuale, è forte il rischio che si proceda nel creare un contenitore utile ad attrarre finanziamenti e sovvenzioni pubbliche piuttosto che a trovare soluzioni per il settore e i suoi operatori.
“Il Consorzio Agrario è cooperativa leader del settore agricolo e agroindustriale regionale; è radicata sul territorio, con oltre 100 anni di storia, e Legacoop FVG è naturalmente preoccupata per la perdita da parte della nostra regione di una cooperativa strategica che dovrebbe confluire in una spa con governance lontana dal Friuli. Legacoop FVG è inoltre interessata a ciò che accadrà in Consorzio Agrario anche per i risvolti che interesseranno le proprie associate della GDO cooperativa. Non siamo contrari a priori a un progetto di fusione, ma nello specifico non abbiamo la possibilità di esprimerci ulteriormente in quanto sono presenti solo una serie di slide poco esplicative più che un piano definito.
Per gli interessi in gioco, in particolare per le ricadute sul territorio, riteniamo necessario un’iniziativa della Regione. Nel caso, Legacoop FVG si rende disponibile a sedere attorno ad un tavolo di confronto con gli altri soggetti interessati allo sviluppo imprenditoriale del Consorzio Agrario.