“La Sinistra” il nuovo cartello elettorale per le Europee si è presentata ieri agli attivisti del Fvg a Udine

Si è svolto ieri sera come previsto presso a saletta Lino's & Co Udine in Via Artico di Prampero 7  l'incontro pubblico organizzato da “La Sinistra - Friuli Venezia Giulia” per presentare il nuovo “cartello” elettorale per le Europee che si ritrova sotto il nuovo simbolo con il nome appunto “La Sinistra” nel quale sono confluite le sigle di Rifondazione Comunista e Sinistra Italiana.
Il titolo dell'evento udinese era: “Per un’alternativa di sinistra, antirazzista, femminista, ecologista in Europa”. Una quarantina i partecipanti all'assemblea con alcuni interventi che hanno analizzato la situazione politica che ha determinato la scelta di costruire quello che è stato definito uno spazio politico alternativo che possa contrastare da sinistra le politiche neoliberiste e quelle sovraniste che sono, è stato detto, la causa di disuguaglianze e povertà ma anche del crescere della barbarie dei razzismi e dei nazionalismi tanto cari alla destra salviniana e non solo. Nelle prossime settimane è già prevista l'organizzazione di numerose attività, dalla partecipazione alla manifestazione antirazzista “People – prima le persone FVG”, programmata per sabato prossimo a Trieste alla realizzazione di cinque momenti di discussione dal titolo “Europa, Forza e attualità politica del progetto europeo. Contro i nazionalismi, infinita passione”.
Cinque come detto gli appuntamenti, il primo domani mercoledì 10 aprile dal titolo “Culture di guerra e anelito di pace in Europa (X-XXI secolo), relatore Gianluca Volpi. Secondo appuntamento martedì 16 aprile “L’Europa degli Illuministi: felicità e progresso” con Silvia Contarini. Terzo appuntamento martedì 23 aprile “Un viaggio dantesco per l’Europa” relatore Andrea Tabarroni.
Poi martedì 7 maggio “Il grande affare della guerra umanitaria” relatore Gregorio Piccin. Ultimo appuntamento mercoledì 15 maggio “Diritti per le persone - Regole per le multinazionali” con Elena Mazzoni. Tutte le iniziative si svolgeranno alle 18.30 presso il Caffè Caucig in via Gemona 38 a Udine.
Si legge nella nota di presentazione delle cinque iniziative: C’è qualcosa che nel passato ha posto le basi di un’idea di Europa. Un’Europa che guardi alla pace, alle culture, al lavoro, alla libertà e ai diritti. Non questa. Eppure Europa. Da
ridiscutere assolutamente. Rapidi interventi per pensare e riconoscersi in una storia importante. E dargli adesso, forse è la nostra ultima possibilità, la direzione che pensiamo migliore. Noi un pensiero ce l’abbiamo, ben chiaro. Cinque incontri brevi sull’Europa (la storia, la letteratura, la guerra, gli eserciti, i trattati e altro), con bicchiere finale, per ricominciare a parlare, prima di andare (o ritornare) a votare.