Pordenonelegge, online da oggi il programma e oltre 50 anteprime letterarie

Sarà la 23^ edizione di pordenonelegge ad ospitare, sabato 17 settembre, la prima presentazione italiana del nuovo romanzo di Joshua Cohen I Netanyahu. Dove si narra un episodio minore e in fin dei conti trascurabile nella storia di una famiglia illustrevincitore del Premio Pulitzer nella categoria fiction, in uscita il 7 settembre per Codice Edizioni. Alla Festa del Libro con gli Autori di Pordenone Joshua Cohen dialogherà con la scrittrice Claudia Durastanti, che ha curato la traduzione italiana del libro (sabato 17 settembre, ore 21.30, Spazio Gabelli). I Netanyahu era stato segnalato dal New York Times e dal Wall Street Journal tra i migliori libri del 2021. La trama del romanzo riflette tutta la maestria di Cohen nel tratteggiare la società moderna e le sue contraddizioni. Il plot ci riporta al Corbin College, Stato di New York, nell’inverno del 1959. Ruben Blum, professore di storia, viene incaricato di ospitare e accompagnare per un week end uno studioso israeliano che l’università sta valutando di assumere: Benzion Netanyahu, padre di Benjamin, che alcuni decenni dopo diventerà primo ministro di Israele. Liberamente ispirato a una storia vera raccontata dal famoso critico Harold BloomI Netanyahu è la più recente dimostrazione del genio letterario di Joshua Cohen: campus novel, commedia dissacrante, lezione di storia, conferenza accademica, polemica sul sionismo, riflessione sui confliitti culturali e religiosi degli ebrei americani e sulla vulnerabilità dei discorsi identitari. Soprattutto, è il libro che conferma Cohen come il più talentuoso romanziere nordamericano. E sempre al festival, di cui è in linea il programma con oltre 50 anteprime sul rinnovato sito pordenonelegge.it, c’è grande attesa per l’arrivo di un altro Premio Pulitzer (Poesia 2020), l’istrionico performer Jericho Brown, poeta e accademico, straordinario interprete dei suoi componimenti: domenica 18 settembre sprigionerà sul palcoscenico di pordenonelegge tutto il suo carisma di nativo della Louisiana, presentando per la prima volta in Italia The Tradition (Donzelli), la raccolta tradotta da Antonella Francini. L’incontro vedrà la partecipazione al Ridotto del Teatro Verdi della autrice e editrice Elisa Donzelli.

FOCUS UCRAINA: NIKITIN IN DIRETTA DAL PAESE IN GUERRA E LA POESIA COME SIMBOLO DI IDENTITA’ NAZIONALE, ARRIVA L’ANTOLOGIA DEI POETI UCRAINI.

Dal 14 al 18 settembre, straordinaria la presenza degli autori stranieri che faranno tappa a pordenonelegge con la prima presentazione del loro nuovo libro: a cominciare da un importante focus dedicato all’Ucraina, in un’edizione fortemente voluta sull’uscio della storia con la spiga di grano ‘tatuata’ come immagine. In collegamento da Kiev, lo scrittore ucraino Aleksej Nikitin, partendo dal suo ultimo romanzo, Bat-Ami. Di fronte al fuoco, edito Laurus Edizioni (Kiev), non ancora tradotto in Italia ma di prossima pubblicazione per Voland, racconterà l’Ucraina in guerra e come la cultura e la letteratura cercano di ®esistere nel Paese, focalizzando sulla triste attualità a partire da accadimenti che affondano nella Seconda Guerra mondiale. E sempre in anteprima a pordenonelegge arriva l’antologia pubblicata da Mondadori Poeti d’Ucraina, in libreria dal 13 settembre, a cura di Alessandro Achilli e Yarina Grusha Possamai. Sarà l’occasione per approfondire le nuove generazioni di poeti ucraini a partire da una premessa: nella cultura ucraina moderna, dalla metà dell’Ottocento a oggi, la poesia ha sempre giocato un ruolo simbolico molto forte e continua a essere vissuta come uno strumento in grado di dare una voce agli ucraini. Il volume parte da Vasyl’ Stus, e dalla rinascita della poesia ucraina dopo i decenni bui dello stalinismo, attraversa la poesia alternativa dell’età tardo-sovietica, e approda alla complessa cultura degli anni Ottanta, alla lunga ricostruzione dei due decenni a cavallo del secolo e del millennio, fino alla svolta del 2014, per concludere con un accenno alla produzione poetica ispirata dall’allargamento della guerra a tutto il Paese dopo il 24 febbraio 2022.

 

AUTORI CULT INTERNAZIONALI PRESENTANO L’ULTIMO LIBRO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA

Tre autori cult della scena narrativa e della saggistica saranno a pordenonelegge per la prima presentazione italiana del loro ultimo libro: sono Jeffery Deaver, che per Rizzoli firma La mappa nera, un noir dove il cacciatore di ricompense Colter Shaw è alle prese con una missione personale, che potrebbe gettare nuova luce sulla morte di suo padre e salvare molte viteLo statunitense Jason Mott presenterà invece Che razza di libro! il romanzo commovente e visionario edito NN, che racconta un mondo in cui la diversità costringe a nascondersi a se stessi. E Frans de Waal sarà al festival per approfondire con gli occhi di un primatologo le questioni di genere affrontate nel suo Diversi, edito Raffaello Cortina.

PORDENONELEGGE 2022, GLI INEDITI INTERNAZIONALI.

È molto attesa l’anteprima del nuovo libro di Jhumpa Lahiri, l’autrice insignita della 15^ edizione del Premio FriulAdria Crédit Agricole La storia in un romanzo: i suoi Racconti romani, editi Guanda, si presentano in anteprima a pordenonelegge sabato 17 settembre. Una raccolta di nove racconti che è anche l’omaggio all’Italia di una grande scrittrice internazionale, capace di raccontare sentimenti e lacerazioni di esistenze sospese tra due mondi. Denominatore comune ai racconti è Roma, la città d’elezione, la città scelta come nuova radice in una vita da apolide: Roma come protagonista e non come sfondo, senza ombra di folclore. Ancora prime internazionali con la scrittrice di origini ucraine Sasha Marianna Salzmann e il nuovo libro Nell’uomo tutto dev’essere bello in uscita il 13 settembre per Marsilio. A pordenonelegge, venerdì 16 settembre, l’autrice dipanerà il percorso di quattro esistenze, quattro donne ucraine emigrate in Germania, per raccontare dei rivolgimenti che hanno contraddistinto gli anni da tritacarne della «Perestroika» ad oggi. Attesissimo lo scrittore francese Olivier Norek, che racconterà al festival il suo ultimo noir, dal ritmo serrato: In superficie, in uscita per Rizzoli il 6 settembre, scava nel torbido passato di un villaggio nel sud della Francia. E la scrittrice israeliana Ayeter Gundar-Goshen con Dove si nasconde il lupo in uscita per Neri Pozza il 6 settembre, al festival giovedì 15 settembre racconterà la storia di una madre mette in dubbio la sua intera esistenza quando arriva a porsi la più terribile delle domande: mio figlio è un assassino? Roy Chen, scrittore, traduttore e drammaturgo del Teatro Gesher di Tel Aviv, presenterà Anime, il suo primo romanzo pubblicato in Italia da Giuntina: un libro dalla potenza multiforme che si muove agilmente tra epoche, paesaggi e fisionomie.

La giovane scrittrice francese Maud Ventura a pordenonelegge presenta Mio marito, il suo primo romanzo edito SEM, estremamente originale, ironico, divertente, che ha incantato i librai francesi. Essere un animale in un mondo di umani è il comico e esilarante tema dell’ultimo lavoro del belga Thomas Gunzig, noto per essere stato lo sceneggiatore di un film cult dell’ultimo decennio, “Dio esiste e vive a Bruxelles” di Jaco Van Dormael. Il sangue delle bestie titola il romanzo, in uscita il 14 settembre per Marcos Y Marcos, a pordenonelegge la prima presentazione domenica 18 settembre.

La singolarità del vivente e la necessità di un approccio che ci porti a pensare e agire partendo da ciò che è vivente e ci circonda saranno al centro dell’incontro con Miguel Benasayag che a pordenonelegge presenta il saggio in uscita il 20 settembre per Feltrinelli Corpi viventi. Pensare e agire contro la catastrofe, firmato a quattro mani con Bastien Cany. Mentre uno dei migliori studiosi di narratologia, Jonathan Gottschall, si addentrerà ne Il lato oscuro delle storie, titolo del nuovo saggio in uscita il 6 settembre per Bollati Boringhieri: in queste pagine ci spiegherà come lo storytelling che cementa le società finisca talvolta per distruggerle. E Olivier Sibony, uno dei più attenti studiosi dei processi decisionali, con Stai per commettere un terribile errore! Come evitare le trappole del pensiero in uscita per Raffaello Cortina, si interrogherà su come evitare che le decisioni vengano influenzate da pregiudizi come il bias confermativo o la trappola dello status quo.

A PORDENONELEGGE ARRIVA IL DIZIONARIO TRECCANI CON NOVITA’ CHE CONTRASTANO LE DISCRIMINAZIONI DI GENERE, E CON TANTI NEOLOGISMI DA COVID A LOCKDOWN, DA RIDER A  SMART WORKING.

venerdì 16 settembre a pordenonelegge l’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani presenterà in anteprima assoluta, con i direttori dell’opera Valeria Della Valle e Giuseppe Patotal’ultima edizione del Vocabolario Treccani, composto da tre volumi – Dizionario dell’italiano TreccaniStoria dell’italiano per immagini e Dizionario storico-etimologico. Molte le novità, alcune innovative e addirittura rivoluzionarie rispetto alle precedenti edizioni, perché rivolte a contrastare la discriminazione di genere mediata dal linguaggio. E molti i neologismi, da covid a lockdown, da rider a smart working. Il nuovo Vocabolario Treccani sarà successivamente presentato anche nel contesto della quinta edizione di #leparolevalgono, Festival Treccani della lingua italiana, organizzato dalla Fondazione Treccani Cultura a Lecco il 7, 8 e 9 ottobre 2022.

LE ANTEPRIME DI AUTRICI E AUTORI ITALIANI A PORDENONELEGGE 2022.

Sono una trentina le anteprime editoriali di autrici e autori italiani a pordenonelegge: Antonio Scurati proporrà il terzo capitolo romanzesco dedicato a M, ovvero Benito Mussolini: Gli ultimi giorni dell’Europa, in uscita per Bompiani il 26 agosto, sarà presentato a pordenonelegge domenica 18 settembre. Scurati prosegue la sua narrazione del fascismo concentrandosi sul cruciale triennio tra il 1938 e il 1940: un momento ancora una volta angosciosamente carico di similitudini con il nostro presente, che vede lo scacchiere europeo percorso da profonde inquietudini, atti di barbara prevaricazione e tentativi sempre più disperati di evitare una guerra ... E un altro noto autore e commentatore del nostro tempo, il giornalista Aldo Cazzullo, rifletterà su Mussolini il capobanda. Perché dovremmo vergognarci del fascismotitolo del nuovo libro in uscita per Mondadori il 13 settembre, a pordenonelegge in anteprima assoluta la prima presentazione, domenica 18 settembre. Ancora un’indagine che affonda negli anni del fascismo e si intreccia alla questione di genere per la saggista Mirella Serri, in libreria dal 6 settembre per Longanesi con Mussolini ha fatto tanto per le donne! Le radici fasciste del maschilismo italiano, analisi sull’ostilità anti-femminile del Duce concretizzata in molti decreti. Sono due le anteprime che Marco Balzano consegna alla 23^ edizione di pordenonelegge: la prima è il racconto lungo L’estate della neve, scritto quale vincitore della 3^ edizione del Premio Letterario Friuli Venezia Giulia Il racconto dei luoghi e del tempo. Uscirà proprio in occasione della Festa del Libro per le Edizioni Italo Svevo, e si presenterà sabato 17 settembre. Il giorno prima, venerdì 16, Balzano sarà a pordenonelegge con l’anteprima di Cosa c’entra la felicità? Una parola e quattro storie, in uscita il 20 settembre per Feltrinelli: Marco Balzano varca la soglia della felicità con quattro parole - Eudaimonia, Felicitas, Ashré, Happiness - nelle quattro lingue in cui la civiltà occidentale affonda le sue radici: il greco e il latino della tradizione classica, l’ebraico di quella giudaico-cristiana e infine l’inglese, lingua universale del nostro tempo. L’attualità politica rimbalza  a pordenonelegge con le riflessioni del gionalista Claudio Cerasa, Direttore del quotidiano Il Foglio: il suo Le catene della destra uscirà per Rizzoli il 30 agosto, e si presenta in anteprima a pordenonelegge venerdì 16 settembre. Un saggio per capire appunto quali sono oggi le “catene della destra” che rischiano di tenere il Paese ancorato al suo passato. Mentre è decisamente autobiografico l’esordio letterario di Massimiliano Fedriga, Presidente della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia: esce il 13 settembre per Piemme Una storia semplice. La Lega, il Friuli Venezia Giulia, la mia famiglia, un racconto intimo e sincero in cui il Fedriga ripercorre la sua storia familiare, le sue radici, la sua passione per la politica, i primi anni di militanza nella Lega, le ultime sfide, l’assunzione di responsabilità durante il periodo pandemico, e prefigura il futuro che lo aspetta. Torna in libreria Mauro Corona con Arrampicare. Una storia d’amore, in uscita per Solferino il 20 settembre, a pordenonelegge domenica 18 settembre: per la prima volta Corona racconta quella che è forse la meno nota: la sua “carriera” nell’arrampicata, una passione che lo accompagna fin dall’adolescenza. E Carlo Lucarelli, che insieme a Massimo Picozzi firma Nero come l’anima - venti nuove storie di delitto (e spesso castigo) in uscita per Solferino il 13 settembre – sarà a pordenonelegge domenica 18 settembre per raccontare storie di vari periodi che pensavamo di conoscere: dalla Monaca di Monza ad Artemisia Gentileschi, Cesare Borgia o Christopher Marlowe: indagate con i metodi di oggi, diventano veri e propri, appassionanti cold caseAtmosfere a tutto noir anche per l’ultimo libro di Tullio AvoledoNon è mai notte quando muori, in uscita per Marsilio il 13 settembre, a pordenonelegge, venerdì 16 settembre. È il seguito di Nero come la notte, vincitore del Premio Scerbanenco 2020, animato da una galleria di personaggi indimenticabili: dall’oligarca Oleg Suvarin all’avvocato Allenby, dallo yazida Adham all’enigmatica Mei Wei. Lo scrittore Andrea Tarabbia, Premio Campiello 2019, torna in libreria il 23 agosto con Il continente bianco, edito Bollati Boringhieri, e sarà a pordenonelegge venerdì 16 settembre: il libro riprende temi e motivi dello splendido romanzo scritto da Goffredo Parise alla fine degli anni Settanta, L’odore del sangue. Il Continente bianco sposta la vicenda ai giorni nostri, echeggiando la metafora potente del fascino che certe idee hanno esercitato, ed esercitano, sulla borghesia italiana. La giornalista Francesca Mannocchi sposta Lo sguardo oltre il confine. Dall’Ucraina all’Afghanistan, i conflitti di oggi raccontati ai ragazzidomenica 18 settembre anticiperà i temi del libro in uscita per De Agostini il 20 settembre, in un viaggio nelle zone più “calde” del pianeta: con le parole chiave, i perché, le storie simbolo di chi ne è stato travolto, per leggere il presente insieme ai giovani e scrutare le prospettive future, nel momento più difficile e incerto del nostro secolo. Esordio letterario per l’attore Lino Guanciale che pubblica per Round Robin Inchiostro, un racconto lungo con le illustrazioni di Daniela Volpari, a pordenonelegge giovedì 15 settembre. Il viaggio onirico, visionario e tenero, di una giovane donna verso la radice più profonda del suo cuore, la rivelazione pura e luminosa del suo desiderio. È dedicato a una grande donna che ha lasciato la sua impronta nella visione architettonica del Paese il sesto libro di Annarita Briganti, Gae Aulenti. Riflessioni e pensieri sull’Architetto Geniale: in uscita per Cairo il 20 settembre sarà a pordenonelegge in anteprima venerdì 16 settembre e nel decennale della scomparsa offrirà l’occasione per ripercorrere la vita e le grandi intuizioni dell’architetto Gae Aulenti. La scrittrice 26enne Espérance Hakuzwimana, nata in Ruanda ma cresciuta a Brescia, per Einaudi uscirà il 6 settembre con Tutta intera, una storia italiana che echeggia le fatiche dell’integrazione, a pordenonelegge venerdì 16 settembre.

Al nostro pianeta e al necessario rispetto per una convivenza sostenibile fra i viventi della terra è dedicata l’ultima riflessione di Telmo PievaniLa natura è più grande. I microbi, l’ecologia e l’evoluzione dell’umanità, in uscita per Solferino il 6 settembre, a pordenonelegge domenica 18 settembre. Mentre il fisico Roberto Battiston firma per Rizzoli L’alfabeto della natura, e ci spiega come oggi sia fondamentale ragionare in termini scientifici: di fronte al caos: la scienza è infatti essenziale per gestire la complessità e porci le domande giuste. In libreria da 13 settembre, a pordenonelegge giovedì 15 settembre. Nuovo libro anche per il direttore d’orchestra Beatrice VeneziL’ora di musica. Un invito alla bellezza e all’armonia uscirà per UTET - De Agostini il 20 settembre, e a pordenonelegge due giorni prima l’autrice lo presenterà in anteprima. Suggestioni del palcoscenico anche per il libro di Flaminia MarinaroL’ultima diva, dedicato a Francesca Bertini, in uscita per Fazi il 16 settembre. A pordenonelegge l’autrice ne parlerà il giorno prima, portandoci a scoprire le passioni, gli intrighi e i retroscena della vita di un’attrice che ha segnato un’epoca.

Molte le novità italiane a pordenonelegge: il 30 agosto esce per Garzani Scuola di felicità per eterni ripetenti,

il nuovo libro di Enrico Galiano che lo presenterà a pordenonelegge il 15 settembre: capitolo dopo capitolo, Enrico Galiano ci porta in una scuola dove le lezioni sono piccole e grandi allo stesso tempo – sull’amore, il coraggio, la libertà – e impartite non da chi siede dietro la cattedra, ma dai ragazzi stessi. Restiamo nelle aule di scuola con Gaja Cenciarelli e il suo L’ultimo banco, in uscita per Marsilio il 6 settembre: il romanzo dedicato a una professoressa e ai suoi ragazzi, in una scuola della periferia romana che somiglia molto alla Rebibbia di Zerocalcare, a pordenonelegge venerdì 16 settembre.

Due anteprime per Aboca, entrambe a pordenonelegge venerdì 16 settembre: le firmano Antonio Moresco, autore di Camminare sconfinare,  due scritti riuniti con tante esperienze estreme e tanti anni di vita fra percorsi  metropolitani e solitari compiuti notte dopo notte e una riflessione più generale sul gesto di sconfinamento del cammino. E Davide Rondoni, autore de Il concerto del viale dei lecci, dove ritrova una sorprendente Forlì pulsante di storia: non solo regimi, politica, terrorismo, ma anche il confuso via vai del tempo feriale, basso, quello dei semplici e dei segnati, il romanzo degli umili. “Perché nel viale dei lecci passavano ogni bellezza e ogni dolore. Anche quelli inimmaginabili”. In anteprima, ancora, la nuova fatica di Massimiliano SantarossaGelsi e sangue. L’Ottocento, qui da noi, in uscita il 20 settembre per Biblioteca dell’Immagine, anteprima assoluta a pordenonelegge venerdì 16 settembre. il racconto di un’epopea famigliare, fra donne e uomini, vecchi e bambini, paesaggi e animali, andati tra le onde della grande storia, fra il 17 ottobre 1797 con il passaggio di Napoleone e la notte del 23 maggio 1915, nelle ore che precedono l’inizio della Prima guerra mondiale.

Esce per La nave di Teseo il nuovo romanzo di Diego MaraniL’uomo che voleva essere una minoranza: a pordenonelegge domenica 18 settembre, è un romanzo-pamphlet, che affronta con grazia e ironia temi sensibili del nostro presente come il significato di minoranza e le sue derive, il bisogno di appartenere e la smania di evadere, la ricerca di una diversità che ci identifichi ma che alla fine diventa anch’essa conformismo. Mentre Giangiacomo Schiavi per Antiga edizioni firma Scoop! Quando i giornalisti fanno notizia, un omaggio ai grandi cronisti che hanno inseguito con tenacia e coraggio le notizie da prima pagina. Anteprima in dialogo con Fabrizio Gatti a pordenonelegge venerdì 16 settembre. Un’icona dello sport nazionale, la medaglia d’oro di Tokyo Luigi Busà, affida a Longanesi le sue riflessioni: La forza e il controllo. Lezioni di vita sul tatami titola il libro che si presenta a pordenonelegge venerdì 16 settembre, una grande storia sportiva, di formazione e trionfo. Un invito a credere in se stessi, sempre e comunque. È edita Manni la riflessione a due voci sul sistema sanitario nazionale italiano, e sul valore per i cittadini di una “garanzia della salute” che affonda nella carta costituzionale: Quello che serve, già documentario prodotto per Rai3, è un libro di Massimo Cirri e Chiara D’Ambros, a pordenonelegge la presentazione del libro è fissata per domenica 18 settembre. La giovane autrice Andreea Simionel, nata in Romania e arrivata undicenne a Torino nel 2007, affida alle Edizioni Italo Svevo il suo Male a est, una storia di conflitti familiari e migrazione, filtrata dallo sguardo di una protagonista bambina, in uscita il 23 settembre, a pordenonelegge giovedì 15 settembre. La vita dello psichiatra che inventò l’elettroshock, passato alla storia come “il carnefice dei pazzi” al centro del romanzo, in uscita per Neri Pozza, Shock del medico e scrittore Carlo Patriarca, a pordenonelegge sabato 17 settembre. Una delle voci più interessanti del giornalismo italiano, Francesco Costa presenta, giovedì 15 settembre, La fine del mondo. Perché la California non è più una terra promessa, (Mondadori) il racconto e l’analisi della crisi del modello di sviluppo delle città californiane e del sogno americano.

La poesia a pordenonelegge è un festival nel festival: Fabio Pusterla sabato 17 settembre presenta in anteprima il nuovo libro edito Marcos y Marcos, Tremalume. Una raccolta che tenta di sciogliere i nodi dolorosi, e affonda nelle sue radici poetiche più profonde per rilanciare una lingua, un respiro. E la scrittrice e poetessa Laura Pugno pubblica per Ponte alle Grazie Il codice d’amore. Antologia dei trovatori, la raccolta dedicata ai trovatori, alla lirica provenzale e al segreto della parola poetica, sarà a pordenonelegge sabato 17 settembre.

Anche pordenonelegge Junior, il percorso dedicati ai lettori giovani e giovanissimi, offrirà molte anteprime: come il piccolo dizionario con cinquanta voci che aiutano a ragionare ed esprimersi meglio sull’identità e espressione di genere. A pordenonelegge la formatrice e linguista Beatrice Cristalli sfoglia, mercoledì 14 settembre, Parla bene, pensa bene. Piccolo dizionario delle identità in libreria per BompianiSulle stesse tematiche il nuovo libro per genitori e bambini di Maria Scoglio e Cristina Sivieri Tagliabue Missione parità edito Garzanti, per focalizzare sulla parità di genere e crescere una generazione improntata all’uguaglianza: la presentazione sabato 17 settembre. Sempre ai giovani lettori parla “Manuale per supereroi green” del giornalista e scrittore Mauro Garofalo che affida a Piemme un manifesto che incoraggia i ragazzi a prendere posizione e diventare ambientalisti attivi per salvare il pianeta, a pordenonelegge mercoledì 14 settembre. E due maestri della narrazione, Guido Sgardoli e Massimo Polidoro presentano venerdì 16 settembre I delitti di Whitechapel. Nel nome di Jack Lo Squartatore in uscita per De Agostini. Un romanzo misterioso e dalle tinte oscure, che catapulta nella Whitechapel di fine Ottocento, raccontando in modo inedito le donne di Jack lo Squartatore.