Ucraina: Rojc (Pd), tensioni in Bosnia sono connesse a guerra: “Problema rifugiati diventerà sempre più pressante”

“In questo momento dovremmo avere un’attenzione particolare per le tensioni in Bosnia che non sono staccate dalla guerra russo-ucraina. Le pressioni secessioniste da parte della repubblica Srpska di Dodik sono preoccupanti ed è quindi necessario porre l’accento su questo pericolo”. Lo ha detto oggi a Trieste la senatrice Tatjana Rojc (Pd), audita in Consiglio regionale in occasione del Tavolo per la terza ripartenza sui temi della Sessione europea e delle politiche dell'Unione europea. La senatrice ha affermato che su questo tema “è il caso di aprire un dibattito in Europa” perché “la stabilità dei Balcani è determinante per l’Italia e per tutta l’Europa, che deve decidere una politica più accentuata per i Balcani prima che sia troppo tardi”, precisando che “per il Friuli Venezia Giulia sarebbe devastante affrontare anche una crisi balcanica”. “Il problema dei rifugiati diventerà sempre più pressante” ha detto ancora Rojc, in quanto “entrano ed entreranno migliaia di persone che avranno bisogno di essere assistite. Il nostro dovere è tendere la mano ma ci dev’essere una presenza concreta dell’Europa con mezzi e personale e capacità di trovare accoglienza”.

https://friulisera.it/la-guerra-rischia-di-riaccendere-i-balcani-il-kosovo-chiede-di-entrare-nella-nato-e-la-serbia-in-campagna-elettorale-cerca-equilibrio/