Udine: Spitaleri (Pd), Fontanini isolato ma responsabilità collettiva

"Fin troppo facile fare il tiro al piccione contro un Fontanini ormai agli sgoccioli e isolato, ma in politica le responsabilità sono personali e collettive. Fontanini è diventato sindaco con l'accordo e il sostegno di Fedriga e Riccardi nel 18, quando era definito 'un uomo del popolo che rappresenta la vera voce del territorio'. Per 4 anni tutto il gruppo dirigente di centrodestra ha avallato le decisioni del sindaco, limitandosi a tenerlo buono con concessioni di secondo livello. Ora Fontanini bombarda il quartier generale e morde la mano di chi l'ha voluto primo cittadino di Udine. Resta da chiedersi quante siano ormai le Leghe, e se a quella dello pseudo-moderato Fedriga e del putiniano Salvini si aggiungerà anche un Carroccio 'vecchia maniera' in salsa Fontanini". Lo dichiara Salvatore Spitaleri, del Pd, in merito alle prese di posizione del sindaco di Udine Pietro Fontanini.