Ieri a Udine presentazione del progetto Diversamente Doc realizzato con l’azienda agricola Giorgio Colutta

In occasione di Friuli Doc ieri sera l’Anffas Udine presso il bar Savorgnan non ha solo presentato l’ottava edizione del progetto Diversamente Doc con il vino realizzato da un gruppo di persone con disabilità intellettiva e relazionale in collaborazione con l’azienda agricola Giorgio Colutta. Ha dato infatti anche il via ufficialmente a tutte le iniziative previste per il 50° anniversario dell’associazione come ha raccontato la presidente dell’associazione Maria Cristina Schiratti: “Sarà un compleanno speciale in ricordo di mio marito Edi Fuart, per molti anni presidente dell’Anffas Udine e dell’Anffas Fvg scomparso la scorsa estate. A lui sarà dedicata l’etichetta del prossimo vino, che sarà un Merlot, il suo preferito. Il 24 settembre a Manzano presso l’azienda agricola Giorgio Colutta saremo impegnati con la prima fase dell’8° edizione del progetto che è ovviamente la vendemmia. Ma ci saranno da qui a fine anno molti altri momenti importanti per l’associazione: l’11 ottobre presenteremo anche un libro con la storia dell’Anffas Udine e le interviste alle persone con disabilità e ad alcuni dei familiari, ai soci fondatori, ai volontari. Seguirà il 26 ottobre una Cena di gala presso Villa Tissano a Santa Maria La Longa e a fine novembre un concerto”.
Presente ieri anche Giorgio Colutta che ormai dal 2011 affianca l’associazione nel progetto Diversamente Doc: “Un grazie di cuore – ha sottolineato – ai ragazzi che hanno creduto in questo progetto e che ormai per noi fanno parte della nostra azienda durante la vendemmia e le altre fasi. Non vi anticipo nulla ma con l’ottava edizione del progetto, che coincide proprio con i 50 anni di vita dell’Anffas Udine, ci sarà un’evoluzione perché dopo tanti anni era giusto apportare delle novità che offriranno ancora più notorietà a questa iniziativa”. Il consigliere comunale Lorenzo Patti ha voluto ieri sottolineare come “Diversamente Doc sia un progetto davvero importante perché consente di realizzare le pari opportunità, che sono la vera marcia in più per una società dove nessuno è escluso”. Il tutto si è concluso con un bel brindisi di tutti i presenti con il vino Diversamente Doc che ha raccolto negli anni importanti riconoscimenti e premi. “Con il nostro vino – testimonia Maria Cristina Schiratti – per tre volte abbiamo inaugurato per tre anni al Vinitaly il Padiglione Friuli Venezia Giulia e siamo stati due volte premiati a Gorizia con il premio Mosaico. Ma abbiamo con questo progetto soprattutto dimostrato che le persone con disabilità possono lavorare, possono stare insieme ad altre persone e hanno, esattamente come tutti, aspettative, sogni e desideri”.
Durante Friuli Doc l’Anffas Udine sarà anche presente con uno stand in via Vittorio Veneto. “Invitiamo tutti – conclude Maria Cristina Schiratti – a venirci a trovare nel nostro stand per conoscere la nostra associazione ed eventualmente acquistare le bottiglie di Diversamente Doc a fronte di un’offerta”.

Potrebbero interessarti anche...