Legge di Stabilità Fvg: Shaurli, manca visione strategica e di sviluppo

“Leggeremo attentamente le carte della manovra ma ciò che appare è la mancanza di una visione strategica e di sviluppo della nostra Regione, strumenti anche innovativi per aiutare e rilanciare economia, lavoro e impresa. In un momento di crisi che richiede interventi straordinari, è una manovra del tutto ordinaria, nella quale manca la visione del futuro del Friuli Venezia Giulia”. Lo afferma il segretario regionale Pd Fvg Cristiano Shaurli, commentando i primi dati della Legge di Stabilità per il 2020, approvata ieri in via preliminare dalla Giunta Fvg.
“Anche grazie a maggiori entrate fiscali di un sistema economico che abbiamo lasciato in ripresa – aggiunge Shaurli – sono possibili interventi condivisibili nel settore sociale e dell’aiuto alle famiglie. Vengono immesse importanti risorse nel settore sanitario, che copre nel complesso ormai ben oltre il 50 % della finanziaria e di cui bisognerà capire se e come sono state tenute monitorate le spese della sanità, e fino a quando potremo reggere”.
Per l'esponente dem “ovviamente va bene l'aumento dei contributi ai piccoli esercizi commerciali montani, è opportuno il rafforzamento dei centri per l’impiego: va bene da raccontare ma certo non basta. Non basta per i settori manifatturieri in difficoltà, non basta per rilanciare sviluppo e posti di lavoro; non si vede una priorità chiara, un progetto, un’idea forte sui temi dell’economia. Il centrodestra è ancora in tempo - conclude - per ascoltare l'appello che abbiamo lanciato per un tavolo d'emergenza sull'economia e l'occupazione”.