Piano aziendale Asfo ancora in ritardo dopo il cambio al vertice

"L’approvazione del Piano aziendale di Asfo dovrà farsi attendere ancora perché il cambio di guida tra l’ex direttore generale Polimeni e il suo sostituto Tonutti ne sta ritardando la definizione”. Se è vero quanto ha sostenuto oggi in Aula l’assessore Riccardi rispondendo a un’interrogazione in merito del capogruppo dei Cittadini Tiziano Centis, ci aspettiamo che i nuovi Atti aziendali siano in grado di dare le risposte a tutte le criticità sollevate in questi mesi. Altrimenti il cambio alla guida dell’Azienda sanitaria pordenonese sembrerà l’ennesima soluzione di facciata, voluta da chi è al Governo della Regione per coprire le proprie mancanze, e non la soluzione a un problema sollevato da molti, compresa la Conferenza provinciale dei Sindaci. Il Piano aziendale è fondamentale per far ripartire la nostra sanità e per questo dovrà essere approvato e condiviso assieme a tutte quelle parti in causa che hanno sollevato forti dubbi e criticità. No alle scatole chiuse, alle semplici prese d’atto. L’obiettivo rimane quello di consentire ai lavoratori del settore di operare in un quadro di certezze dando risposta ai cittadini. Sul piatto, lo ricordiamo, rimangono le lunghe liste d’attesa, la carenza di medici sul territorio e di infermieri, la garanzia di servizi essenziali, il continuo depotenziamento degli ospedali e dei presidi.