Premio Hystrio 2021, ottimi risultati per i diplomati della Nico Pepe

Grande soddisfazione alla Nico Pepe per i riconoscimenti conferiti al Premio Hystrio giunto allo storico traguardo della trentesima edizione: il direttore Claudio de Maglio è lieto di condividere la gioia per i traguardi raggiunti dagli allievi diplomati che nella prestigiosa cornice del Teatro Elfo Puccini di Milano sono saliti sul paco a ritirare le targhe. In particolare il Premio Hystrio ha riconosciuto il talento di Maria Luisa Zaltron (Premio Hystrio alla Vocazione), e della Compagnia VicoQuartoMazzini, con Gabriele Paolocà e Michele Altamura (Premio Hystrio Iceberg). Per la giuria della sezione Vocazioni Maria Luisa Zaltron "ha molte frecce al suo arco: intensa fisicità, intelligenza interpretativa, eccellente vocalità. Qualità declinate con matura consapevolezza nella svalvolata insegnante di danza de "La regina dei cappelli" di Vittorio Franceschi, ma anche nel gioco al massacro di coppia di " de l’amour" di Pascal Rambert e nella "Canzone arrabbiata" di Nino Rota. Nella motivazione della giuria che ha assegnato a VicoQuartoMazzini il Premio Hystrio-Iceberg 2021 con Gabriele Paolocà e Michele Altamura si sottolinea che si sono formati nella stessa factory: la Civica Accademia d'Arte Drammatica "Nico Pepe" di Udine e che la compagnia oltre ai due principali componenti lavora con altri compagni di strada tutti under 40 tra i quali altri diplomati ( Paola Aiello, Nicola Borghesi, Gemma Carbone, Riccardo Lanzarone). I VicoQuartoMazzini lavorano da dieci anni e con le loro produzioni lavorano per abbattere quegli schemi che imbrigliano molto teatro italiano. A loro la giuria ha riconosciuto il merito di un percorso multiforme, generoso perseguito con ostinata determinazione. L'auspicio è che nella situazione già difficile nel teatro italiano per le compagnie e gli artisti emergenti sia possibile recuperare spazi e occasioni per questi attori e attrici che costituiscono una fondamentale risorsa per il teatro del futuro.