Simona Liguori: «necessario sostenere concretamente la Pro Senectute città di Udine»

Incontro tra la Consigliera regionale e comunale Simona Liguori e la Pro Senectute Città di Udine

Si è svolto questa mattina un incontro tra la Consigliera regionale e comunale Simona Liguori e la Pro Senectute Città di Udine, che dal 1985 è attiva in città e nell’ex provincia di Udine con un servizio di telesoccorso emergenziale. L’associazione opera, senza finalità di lucro, a favore delle persone anziane e fragili e segue al momento circa 300 persone offrendo loro assistenza telefonica e aiuto quotidiano. “L’incontro - spiega Liguori - è stato molto utile per comprendere quali siano le difficoltà nelle quali versa l’associazione e per le quali è opportuno che le istituzioni coinvolte si attivino nel più breve tempo possibile. Di particolare rilievo è la problematica relativa ai costi che l’associazione deve sostenere per adeguare tecnologicamente il telesoccorso emergenziale che è il fulcro del prezioso servizio che essa offre. Ecco perché dobbiamo impegnarci affinché le difficoltà in cui versa non portino ad un depotenziamento di tutto ciò che i Volontari fanno e che ha un grandissimo valore sociale. Ci sono circa 125 volontari attivi che vanno messi nelle migliori condizioni di operare attraverso il telesostegno e ausilio psicologico in una comunità che ha sempre più bisogno di non sentirsi sola e abbandonata e vuole sentirsi compresa nella specificità del bisogno. Per questi motivi porterò la questione in commissione comunale e in aula del Consiglio regionale a Trieste, con un ordine del giorno alla legge di assestamento di bilancio. Auspico che l’importanza di Pro Senectute venga acompagnata in modo trasversale nel suo percoso di impegno sociale consono alle esigenze della comunità”.