ICS: La crisi afghana richiede un maggiore impegno nella prima accoglienza

Foto autorizzata  di ganotiste da Pixabay

La crisi afghana richiede un maggiore impegno nella prima accoglienza, a dirlo in una nota stampa l'ICS Consorzio Italiano di Solidarietà – Ufficio Rifugiati Onlus   di Trieste quanto sta accadendo in Afghanistan in questi giorni potrebbe portare, nei prossimi mesi, a un aumento della pressione lungo la rotta balcanica, con arrivi possibili anche nel periodo invernale. Ad avviso dell'ICS sarebbe necessario, pertanto, programmare fin da ora un aumento dei posti destinati alla prima accoglienza, ovvero destinati in prevalenza a coloro che a Trieste sono in attesa del trasferimento verso altre località, con particolare attenzione ai nuclei familiari. Se infatti una situazione di temporaneo disagio può essere facilmente affrontata durante il periodo estivo, il periodo invernale acuisce ogni problema a causa delle temperature rigide e del maltempo. È necessario, perciò, non farsi trovare impreparati di fronte a possibili futuri aumenti degli ingressi di persone che sono in cerca di protezione. Per quanto riguarda invece l'aumento di arrivi di richiedenti asilo  verificatisi negli ultimi giorni a Trieste, ICS evidenzia come si tratti di situazioni che rientrano nella normalità, poiché da sempre si registrano momenti di picco durante la stagione estiva e in alcuni giorni
in particolare. In quanto sta accadendo non vi è dunque alcun elemento straordinario o emergenziale. Il sistema di prima accoglienza è infatti in grado di rispondere alle esigenze, ma è necessario mantenere e rafforzare i trasferimenti verso il resto del territorio nazionale per evitare la piena saturazione del sistema di accoglienza.